Seleziona una pagina
È stato avvistato il Boss in città!
A quanto pare sta scorrazzando per Trieste … nei fumetti di Pluc! 😀

Oggi Bruce, nonostante l’aria sia appena primaverile e il sole sia velato, ha fatto una capatina in pausa pranzo a prendere il sole al mare, come fanno i triestini. Ha chiesto informazioni per un posto che non fosse troppo in vista … a quanto pare gli è stato indicato in un posto un po’ speciale per i Triestini: El Pedocin!

Per chi non lo conoscesse già per fama, il bagno pubblico Lanterna, conosciuto amichevolmente come El Pedocin, è periodicamente al centro delle cronache curiose di mezzo mondo. Progettato a fine ottocento e inaugurato nel 1903, la “Lanterna” è l’unico stabilimento in Europa ad essere ancora diviso per uomini e donne (con bambini fino ai 12 anni).
Grande motivo di stupore per i non locali che davanti a tale separazione spesso di primo impatto inorridiscono sconcertati, ma non fanno i conti con l’aperta mentalità fortemente radicata a Trieste. Dovete, invece, quel muro non lo vorrebbe far abbattere assolutamente nessuno, anzi a sua difesa si erge forse l’unica profonda unanimità cittadina.

“Il motivo per cui i triestini sono così tanto legati a questa divisione secondo molti non è quello che si potrebbe immaginare: non è una questione di “bigotteria” (parola che loro stessi usano quando tentano di spiegare perché quel muro è così importante) ma al contrario di libertà. La divisione della spiaggia per sessi – di una sola spiaggia, peraltro, dentro un’offerta generale di spiagge aperte a tutti – sarebbe banalmente una possibilità in più per i bagnanti di fare quello che vogliono.” 

Da Il Post, 3 agosto 2015


Ognuno può liberamente esibire tutti i difetti fisici, e veder abbattuto qualsiasi eventuale pudore sia da una parte che dall’altra del muro … e chiacchierare in santa pace! Per stare assieme c’è sempre tempo e spazio, già a due passi dall’ingresso quando le coppie spesso si ritrovano a bere una bibita fresca o mangiare un gelato, per poi tornare a godersi le amiche da una parte e gli amici dall’altra. Il modo migliore per raccontarvi questo luogo è lasciar parlare immagini e parole.

Il testo qui di seguito è tratto dal progetto fotografico “Pedocin” di Alba Zari e Sharon Ritossa, che va ad indagare questo spazio unico attraverso le immagini.  > Pedocin

“Uno stabilimento balneare diviso tra uomini e donne in pieno centro a Trieste. Una casta tradizione nata sotto l’Impero Asburgico, che ha resistito nel tempo, nonostante i cambiamenti di bandiera (della città) e della morale (dei cittadini). La popolarità de “La Lanterna”, chiamato affettuosamente “Pedocin” dai triestini, mette in luce ancora una volta la proverbiale bizzarria degli abitanti del capoluogo giuliano. In tempi in cui la spiaggia è teatro per eccellenza di sensuali giochi di sguardi tra uomini e donne, i rossoalabardati preferiscono la divisione, la tranquilla familiarità della compagnia maschile per i maschi e femminile per le femmine.
Il progetto fotografico ha come tema centrale il dualismo: due fotografe (donne) si avventurano in uno spazio diviso da un muro. A separare i due settori, più invalicabile del muro di mattoni, vi è quello delle differenze di genere: le donne, finalmente libere dall’asfissiante necessità di apparire belle ed attraenti per la controparte maschile, si fanno sorprendere da scatti rubati, ma non a sbirciare di nascosto cosa accade dall’altra parte.
Gli uomini, invece, ravvivati dalla cameratesca compagnia maschile, scrutano spesso e volentieri l’orizzonte rosa da cui li separa una cortina di sovietica
memoria, posando a proprio agio di fronte alle sole donne a cui è stato concesso l’ingresso: le giovani fotografe. Le signore del Pedocin divengono oggetto dello sguardo, i signori soggetto.
Il dualismo degli spazi, delle dinamiche sociali ed emotive, del binomio soggettività/oggettività, non po- teva non ripresentarsi anche nella tecnica fotografica. Due i mezzi utilizzati: da un lato, una fotocamera digitale, piccola, discreta, in grado di riprendere agilmente l’istantaneità, il momento. Dall’altro
una macchina fotografica analogica, grande, pesante, che costringe a lunghi tempi di sviluppo e stampa, rendendo necessario un approccio ai soggetti più
diretto e paziente. “Posso farle una foto?” è il fulmine a ciel sereno che squarcia la tranquillità di chi credeva di potere passare una giornata senza preoccuparsi di come apparire. In tempi di immagini sempre più banali e standardizzate, la fotografia torna ad essere un punto di rottura.”

Un altro estratto breve da un post di una “frequentatrice tipo”:

“Guardandomi attorno ho constatato che era tutto come sempre. Come lo scorso anno, come l’anno precedente ancora e probabilmente come cento anni fa…. Io forse un po’ più grassa e flaccida, ma vabbe’, fa niente, sono in buona compagnia.
Mamme con bambini, anziane signore già perfettamente abbronzate, nonne, bisnonne, studentesse_ le si riconoscono dal pallore e dai libri che si portano dietro pensando, come ho sempre fatto anch’io quando ero all’università, che si possa studiare anche per osmosi_ prof. , commesse, avvocati, notai…. di tutto e di più.

Tutte spogliate dei vestiti e delle loro sembianze sociali, tutte uguali e sullo stesso piano, per un’ora o una mezza giornata sotto il sole e davanti al mare. Questo è il bagno “La Lanterna”, il cosiddetto “pedocin“, stabilimento balneare unico in Italia su oltre 7.000 km di costa, a 500 metri dal centro di Trieste.”

Tratto da: http://www.goodmorningtrieste.it/il-pedocin/, breve racconto !


Le meravigliose tavole di Fabrizio Di Nicola, in arte Pluc, ci accompagneranno in questa fantastica edizione 2016, con Bruce alla scoperta della nostra splendida Trieste!

 

● BIO: Fabrizio Di Nicola e Marco d’Angelo sono rispettivamente, disegnatore e sceneggiatore di Bruce Springsteen – Spiriti nella notte, una biografia a fumetti di Bruce Springsteen, il boss della musica rock. Una cavalcata attraverso la sua vita, i suoi successi e i suoi momenti bui; una scorrazzata attraverso le strade del New Jersey, tra corse automobilistiche e locali fumosi.

● QUANDO: Non solo i suoi fumetti – ci sarà la presentazione del libro, sabato 23 aprile alle 15 – Stabilimento Ausonia

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi